Filippo Bartolotta ci spiega come degusta i vini un professionista

Food & Drink

Dagli Obama a Dustin Hoffman, il super sommelier Filippo Bartolotta ha stupito i palati di alcuni dei personaggi più noti al mondo. Che siate neofiti del mondo del vino o esperti enofili, Filippo condivide qui i suoi consigli migliori su come gustare al meglio la vostra bottiglia.

Qual è il modo migliore per i principianti di apprendere di più sul vino?

"Incoraggio i miei ospiti degustatori a fare semplicemente una cosa: confrontare e osservare le differenze. Stappate alcune bottiglie e assaggiatele nella stessa sessione. Quando si provano vini diversi in giorni diversi, è difficile stabilire davvero quale sia il migliore. Invece in questo modo riuscirete a distinguere le diverse caratteristiche. Una volta trovato un vino che vi piace, cercate di scoprire di più sul produttore e seguite la sua attività. Ognuno ha un proprio palato e nessuno dovrebbe dirvi che cosa bere o preferire. Fidatevi dei vostri sensi e acquistate quello che vi piace."

Quando si ordina del vino al ristorante, quali fattori si dovrebbero tenere in considerazione?

"Innanzitutto, stabilite il vostro budget e quanto volete spendere. I vini possono costare da €20 a €20.000 a bottiglia! Siate diretti con il sommelier e chiedete quali consiglierebbe. Comunicate i vostri gusti (ad esempio, che vi piace un bianco non barricato) e attendete la sua proposta. Se non c'è un sommelier e siete in viaggio, optate per qualcosa di locale perché in questo modo potete davvero scoprire i vini della regione in cui vi trovate. Assicuratevi di controllare la temperatura: sicuramente non vorrete bere vino a temperatura ambiente in estate."

Quali elementi dovrebbero essere considerati durante una degustazione?

"In sintesi: vista, olfatto, gusto. Iniziate osservando il bicchiere di vino. Quando guardate un vino dal colore acceso, dovreste aspettarvelo piuttosto acidulo, vibrante e rinfrescante. Se invece è più opaco, sarà più ricco, corposo e con maggiori note di confettura. Il colore è un indicatore incredibile dello stile del vino che state per assaggiare.

L'olfatto è fondamentale. Dovreste sempre percepire un sentore di qualche tipologia di frutta. Se il vino non contiene frutta, o se ha un aroma spento, dovreste sempre farlo notare alla persona che ve lo serve. Quindi, anche quando lo assaggiate dovreste aspettarvi un sapore fruttato. Quando bevete del buon vino, dovete sentire frutta nel naso e sul palato."

Esistono delle regole auree per abbinare il vino al cibo?

"Se il piatto è ricco, come per esempio uno stufato di manzo, deve essere sostenuto da un vino forte con corpo e sostanza. Se si mangia un'insalata di pesce, non ha senso bere il Porto. Sarà più adatto piuttosto un vino bianco o un rosé ugualmente leggero. Bilanciate leggerezza e pesantezza. La maggior parte delle regole di abbinamento esiste solo per i professionisti. Se siete da soli o state preparando da mangiare per gli amici più stretti, l'abbinamento migliore è con quello che preferite. Se vi piace la pizza, mangiatela accompagnandola con la vostra bottiglia di vino preferita e la vita vi sorriderà!"

Che cosa si possono aspettare gli ospiti alla tua masterclass di degustazione di vini presso l'Hotel Savoy a Firenze?

"La degustazione si tiene al ristorante, Irene. Mi siedo insieme agli ospiti con 4 o 5 vini e faccio un'introduzione di un paio d'ore sul mondo dei vini, concentrandomi sulla Toscana. Racconto la storia e l'attuale mondo del vino. Cerco di calibrare i palati degli ospiti per offrire loro alcune indicazioni sugli assaggi successivi. Entro sempre in sintonia con loro per valutarne il livello di conoscenza e assicurarmi che vivano la migliore esperienza possibile."

Per ulteriori informazioni sulla masterclass di degustazione di vini con Filippo Bartolotta presso l'Hotel Savoy, fate clic qui. Per prenotare l'esperienza, chiamate il numero +39 055 2735836 oppure inviate un'e-mail a concierge.savoy@roccofortehotels.com

Share this post