Intervista a Yulia Ivanova

Food & Drink

Yulia Ivanova, capo pasticcera dell’Hotel Astoria, ha viaggiato per tutto il mondo traendo ispirazione per le sue creazioni magiche e intricate. La sua immaginazione non conosce limiti: dalle uova Fabergé di cioccolato ai carillon commestibili, ogni dessert da lei ideato sa stupire i clienti del ristorante Astoria. Qui ci racconta qualcosa in più sulla sua formazione, la sua carriera e la sua arte.

Lavorare con i dolci sembra il sogno di ogni bambino. È questo ciò che ha sempre voluto fare?

“Nella mia famiglia non ci sono chef professionisti, ma ovviamente mia madre e mia nonna sono le cuoche migliori al mondo. Per me è iniziato tutto come un hobby. Cucinavo per amici e parenti e mettevo a punto un po’ di ricette. Presto ho capito che cucinare era ciò che mi piaceva davvero.”

Come ha proseguito?

“Le Cordon Bleu era l’unico posto per me. L’unico dubbio era se diventare una cuoca o una pasticcera. Mi piace scherzare dicendo che non volevo puzzare di pesce, per questo ho scelto la pasticceria. La pasticceria è una scienza esatta. Non si possono fare errori né tantomeno nasconderli. Mi piace questo approccio, è più impegnativo. Quando noto delle imperfezioni nel mio lavoro, torno indietro per capire dov’è sorto il problema. È in quel momento che spesso scopro nuove tecniche e combinazioni di sapori. Dopotutto, molte delle più importanti scoperte culinarie sono state fatte per sbaglio. Lavoro in pasticceria da nove anni ormai e non ho mai pensato di non essere nel posto giusto. Questa è la mia vocazione.”

Cosa ha apprezzato maggiormente del suo periodo di formazione a Le Cordon Bleu di Sydney?

“Mi è piaciuto tutto. Ho imparato dai migliori insegnati, circondata da studenti appassionati tanto quanto me. Ogni giorno pensavo "Cosa ci mostrerà lo chef oggi? Cosa sarà?" Era un altro mondo e noi avevamo la fortuna di trovarci lì. Penso che Le Cordon Bleu fornisca la migliore formazione in ambito culinario al mondo, una formazione che prepara gli studenti in modo completo con la disciplina, le capacità e l’amore per questa professione. Prima di frequentare la scuola ero molto interessata alle attività culinarie, ma è stato a Le Cordon Bleu che me ne sono davvero innamorata.”

Come è arrivata a lavorare all’Hotel Astoria?

“Il mio primo lavoro da studentessa è stato nella pasticceria Adriano Zumbo di Sydney. Dopo ho lavorato in due pasticcerie francesi, in una cioccolateria e al The Langham. In un albergo il lavoro è molto variegato e non si limita a cinque piatti in menù come in un ristorante. Ecco perché, una volta tornata in Russia, lavorare in hotel è diventata la mia priorità. Sono all’Hotel Astoria da oltre cinque anni.”

Qual è la parte che preferisce della sua posizione?

“Mi piace tutto. In cucina sono come un pesce in mare aperto. Ma ciò che preferisco è lavorare con il cioccolato, è la mia specialità. Sogno di aprire una cioccolateria Astoria.”

Come si svolge una tipica giornata di lavoro?

“Ogni giorno è sempre diverso dall’altro, e questa è una cosa che mi piace molto. Ci sono cose di routine come controllare le e-mail, ordinare i prodotti ecc. e poi la giornata può prendere qualsiasi direzione. Potrei lavorare a nuove ricette per i cioccolatini, decorare una torta nuziale, preparare i dessert per il ristorante, aggiornare la selezione per l’Afternoon Tea o parlare con il panettiere di nuovi tipi di pane.”

Ha creato dessert collaborando con nomi importanti quali Fabergé e Diana Vishneva. Ci dica qualcosa in più…

“Ho incontrato Diana Vishneva prima di creare il dessert. Volevo capire quale fosse la sua visione. Mi ha raccontato quali erano i dolci che mangiava da bambina, sua madre cuoceva le mele al forno con la cannella e mirtilli rossi zuccherati. Questi aromi sono diventati la base per il dessert. Diana è molto bella e femminile e la forma del dessert doveva rispecchiare questa caratteristica. Alla fine ho scelto di creare un portagioie rotondo di cioccolato pieno di gioielli di pasticceria. L’idea era quella di trasmettere ricchezza culturale, bellezza, tenerezza e femminilità, qualità che Diana incarna perfettamente.”

Qual è stato per lei il dessert più difficile da creare?

“Penso che fosse proprio quello di Diana Vishneva. Non tanto per la difficoltà della preparazione quanto per l’enorme responsabilità. Diana aveva detto che come ballerina si concedeva ben di rado un dessert e spesso rimaneva delusa dopo aver sperato di assaporare qualcosa di veramente speciale. Per questo per me era molto importante che le piacesse il prodotto finale. E così è stato! Sono contenta che piaccia anche ai nostri ospiti e che dopo due anni sia ancora il nostro dessert più richiesto. Ne sono molto orgogliosa!”

Quali sono i dolci stagionali che gli ospiti potranno trovare all’Hotel Astoria questo Natale?

“Ogni anno allestiamo il nostro mercatino di Natale con dolci tradizionali. La cioccolateria Astoria è in continua evoluzione, ma tutto sarà svelato all’approssimarsi del lancio.”

Per gustare le creazioni di Yulia all’Hotel Astoria o per avere maggiori informazioni, inviate un’e-mail all’indirizzo reservations.astoria@roccofortehotels.com oppure telefonate al numero +7 812 494 5770.

Share this post