Mindfulness per i più giovani con la guida di Terrence the Teacher

Wellness

Il maestro di mindfulness Terrence the Teacher insegna da molti anni l’arte della meditazione ad adulti e bambini. In questa occasione ci spiega come integrare questa pratica nella vita famigliare tra le mura di casa.

 

La mindfulness è un modo straordinario per preservare il benessere generale dei più piccoli. I bambini tendono a distrarsi facilmente: la meditazione può aiutarli ad aumentare la concentrazione migliorando al tempo stesso la salute mentale e il benessere. Terence definisce tre fasi per aiutare i bambini a creare una connessione con la propria mente e il proprio corpo, per trovare la pace interiore. 

 

Fase 1 - Posizione consapevole

 

La posizione consapevole è un modo per suscitare l’interesse dei bambini nella pratica. Scegliete una stanza della casa in cui i bambini si sentono a loro agio e spiegate loro che queste posizioni li aiuteranno a sentirsi più felici, più forti e coraggiosi.

 

Superman: per essere forti

I bambini sono in piedi, con i piedi un po’ più aperti rispetto ai fianchi e i pugni chiusi. Dite loro di cercare di toccare il cielo e incoraggiateli ad allungarsi più in alto possibile.

 

Wonder Woman: per avere fiducia in se stessi

Si tratta di una posizione subito riconoscibile che aiuterà i bambini ad accrescere la propria autostima in modo positivo. I bambini sono in piedi con le gambe leggermente divaricate, all’ampiezza dei fianchi, e le mani sui fianchi.

 

Spiderman: per un senso di sicurezza

Invitate i bambini a rannicchiarsi sul pavimento e a spostare un po' del peso sulle mani, come se dovessero prepararsi a saltare su qualcosa e a zampettare via come un ragno. L’obiettivo è farli sentire come se niente potesse catturarli.

 

Dopo aver ripetuto queste posizioni per alcune volte, chiedete ai vostri bambini come si sentono: dovreste notare un miglioramento nel loro umore.

 

Fase 2 - Superpoteri

 

Questa fase stimola l’osservazione e la curiosità dei bambini, insegnandogli al tempo stesso il valore dell’essere presenti qui e ora. Dite loro che possono rendere ancora più forti i loro sensi, come se avessero dei superpoteri, per percepire ciò che li circonda attraverso l’olfatto, la vista, l’udito, il gusto e il tatto.

 

Fase 3 – Tecniche di meditazione

 

Iniziate con una semplice meditazione sonora. Assicuratevi che tutti siano seduti comodamente, con la schiena dritta e gli occhi chiusi. Create un suono con un giocattolo in gomma, una campana o una vibrazione "ohm" emessa con la bocca.

 

Dite ai bambini di ascoltare attentamente e di alzare lentamente la mano quando non sentono più il suono, ma sempre continuando a tenere gli occhi chiusi. Quando le mani sono alzate, chiedete loro di appoggiare la mano sul petto. Invitateli poi a prestare attenzione al proprio respiro mentre pronunciate le parole "inspira/espira". Dopo alcuni respiri insieme, si possono aprire lentamente gli occhi.

 

Rendete la meditazione una parte fondamentale della vostra routine quotidiana: fate sessioni brevi ed esercitatevi insieme fino a quando i vostri bambini non acquistano maggiore sicurezza. Lasciate che siano i bambini a preparare l’area in cui andranno a meditare e che aggiungano un elemento o un dettaglio associato a una sensazione di comodità e sicurezza (potrebbe essere un cuscino, una coperta o il loro peluche preferito).

 

I bambini in età preadolescenziale possono partecipare a una sessione di meditazione dei cinque respiri. La pratica prevede di iniziare in una posizione seduta comoda, chiudendo gli occhi e mettendo le mani sul petto. In seguito, si conta fino a cinque ad ogni inspirazione ed espirazione, per circa due o tre minuti. Con il tempo, sarebbe ideale riuscire a eseguire questa meditazione del respiro per cinque minuti. Al termine, si riaprono gli occhi lentamente.

 

Per prenotare la vostra sessione personalizzata online con Terrence the Teacher, inviate un’e-mail all’indirizzo terrencetheteacher@gmail.com

Share this post