Informazioni di viaggio: Covid19

I più bei giardini di Roma da visitare a primavera

Culture

Roma vanta numerosi splendidi parchi ereditati da famiglie dell’aristocrazia cittadina. Con le temperature più miti che segnalano l’arrivo della primavera, i nostri concierge hanno preparato un elenco dei giardini più belli di Roma da visitare durante il vostro prossimo soggiorno. Continuate a leggere per scoprire il patrimonio di spazi verdi incontaminati che la storia ha regalato alla Città Eterna.

 

Da non perdere… Il lusso nobiliare

Villa Doria Pamphili

Esplorate l’ex-residenza nobiliare di campagna della famiglia Pamphili, situata nel quartiere diMonteverde, sul Gianicolo. Progettata da Alessandro Algardi e Giovanni Francesco Grimaldi, questa magnifica tenuta è stata successivamente ereditata dalla famiglia Doria, da cui il nome Villa Doria Pamphili. Oggi ospita il parco pubblico paesaggistico più grande della città, ricco di fontane e statue romane, e il sontuoso Giardino del Teatro, costruito tra il 1644 e il 1655. Nel cuore di un giardino segreto all’interno della tenuta, e collegato direttamente al Vaticano attraverso un tunnel lungo un chilometro e mezzo, sorge il Casino del Bel Respiro. Edificato a partire dal 1644, oggi è stato adibito a edificio di rappresentanza dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è chiuso al pubblico. L’intero parco è però a disposizione della cittadinanza per passeggiate, jogging e cicloturismo e ospita un delizioso caffè all’aperto, Vivi Bistrot, che serve ottime insalate e pranzi leggeri.

 

Da non perdere… Una visita guidata dal sapore autentico

Villa Medici

A pochi passi dall’iconica scalinata di Piazza di Spagna, Villa Medici si trova sulla collina del Pincio, tra Trinità dei Monti e Villa Borghese; dal 1803 vi ha sede l’Accademia di Francia a Roma. La pianta del giardino è divisa in sedici quadrati, con prati e fontane, pini marittimi e sculture storiche, tra cui i prestigiosi calchi seicenteschi del Gruppo dei Niobidi. Sotto il direttorato del celebre artista francese Balthus, dal 1960 al 1977, fu effettuata la risistemazione del parco della villa, che nel 2000 è stato interamente riportato al suo splendore originario. Dal lunedì al venerdì si possono prenotare visite guidate di questi splendidi giardini cinquecenteschi in lingua italiana, inglese e francese; il parco è chiuso il martedì, il sabato e la domenica.

 

Da non perdere… Uno straordinario giardino segreto

Hotel de Russie

L’etereo giardino dell’Hotel de Russie è l’unico monumento architettonico privato del XIX secolo tuttora funzionante, disegnato dall’architetto Giuseppe Valadier. Secondo quanto riportato nella Carta dei giardini storici (Carta di Firenze) del 1981, infatti, «un giardino storico è una composizione architettonica e vegetale che dal punto di vista storico o artistico presenta un interesse pubblico. Come tale è considerato come un monumento». La sua storia è strettamente legata a quella dei giardini pubblici del Pincio, anch’essi progettati da Valadier e situati a pochi passi da Piazza del Popolo. Per questo motivo il giardino è sempre stato circondato da un’aura di mistero che ne ha accentuato il carattere di segretezza. Grazie a un magistrale intervento di recupero, le magnifiche fontane, i ninfei, le terrazze e i parapetti del giardino segreto offrono deliziosi angoli di meditazione e relax. Recatevi verso il cuore del giardino per assaporare la cucina sublime di Fulvio Periangelini nell’elegante sala de Le Jardin de Russie, con i suoi accenti d’ispirazione classica, o nella terrazza immersa nel verde ai piedi del Pincio, circondati da pini secolari e agrumi in fiore.

 

Da non perdere… Preziosi manufatti e flora esotica

Villa Celimontana

Celebre per i fantastici festival di jazz qui ospitati durante l’estate, Villa Celimontana è incastonata tra il leggendario Colosseo e le Terme di Caracalla. Progettato da Giacomo del Duca, allievo di Michelangelo, questo strepitoso giardino del XVI secolo ospita piante esotiche, un tempio neo-gotico e un obelisco egizio di Ramsete II; si narra inoltre che qui riposino le ceneri dell’Imperatore Augusto. Alcune delle prestigiose sculture della villa sono state trasferite ai Musei Vaticani per garantirne la conservazione. Il parco ospita anche Palazzetto Mattei, l’attuale sede della Società Geografica Italiana.

 

Da non perdere… I giardini all’inglese nel quartiere Art Nouveau di Coppedè

Villa Torlonia

Ultimo parco privato in ordine di tempo ad essere stato acquisito dalla città di Roma, è situato nel quartiere di Coppedè. Gli eleganti giardini in stile inglese di Villa Torlonia, che tra palme, fontane ed edifici di vario tipo creano un ambiente piacevolmente esotico nel cuore di Roma, sono opera dell’architetto e progettista Giuseppe Valadier. Al loro interno si trova la Casina delle Civette, un tempo residenza neoclassica del Principe Giovanni Torlonia e ora trasformata in un suggestivo museo composto di 20 ambienti con vetrate colorate, mosaici e porticati decorati con ceramiche.  Degno di nota anche il Casino Nobile, che ospita numerosi dipinti, affreschi e sculture il cui restauro fu nuovamente curato da Giuseppe Valadier.

 

Scoprite altri gioielli nascosti di Roma con l’aiuto dei nostri servizi di concierge specializzati. Prenotate all’Hotel de Russie inviando un’e-mail all’indirizzo reservations.derussie@roccofortehotels.com o chiamando il +39 06 32 888 830.

Prenotate all’Hotel de la Ville inviando un'e-mail all’indirizzo reservations.delaville@roccofortehotels.com o chiamando il +39 06 32 888 880.

Per godervi il lusso di un appartamento privato alla Rocco Forte House inviate un’e-mail all’indirizzo reservations.romahouse@roccofortehotels.com o chiamate il +39 06 3288 8990

Share this post