Cocktail di Natale per celebrare al meglio le feste

Rocco Forte Hotels

Londra è una delle città più dinamiche del mondo, in costante cambiamento, crescita ed evoluzione. È anche uno dei luoghi più magici in cui trascorrere il Natale, tra alberi addobbati, luci scintillanti e un’atmosfera festiva che pervade ogni strada e piazza.

L’inverno è la stagione perfetta per trascorre del tempo con gli amici, la famiglia e i propri cari, festeggiando con abbondanti pranzi e deliziosi drink. Il Brown’s Hotel, nel cuore della città a Mayfair, è il luogo ideale per celebrare le feste.

Federico Pavan, Director of Mixology del Donovan, l’innovativo bar dell'hotel, ci consiglia i suoi cocktail preferiti da bere durante le vacanze invernali.

Pavan, Federico
“A Natale i drink devono essere particolari e pensati"

"A Natale i drink devono essere particolari e pensati per questo importante momento di festa e condivisione con la famiglia e gli amici. Dato che è un periodo dell'anno 'frizzante', suggerisco sempre qualcosa con lo champagne, oppure un Negroni. Essendo italiano, apprezzo molto questo cocktail”.

"Se cerchi un cocktail davvero speciale, consiglio lo Sparkling Side of the Moon, un mix audace e sorprendente che include whisky, cognac, Grand Marnier e frutti di bosco, il tutto condito con Champagne".

"Se invece preferisci qualcosa di scuro, opterei per il Gratitude, un cocktail incluso nel nostro menu Evoke. È uno short drink a base di caffè, ricco, fruttato e complesso, con una nota di affumicato, perfetto per le lunghe serate invernali. Per crearlo, ci siamo ispirati alla convivialità e alla familiarità che caratterizzano il Natale e viene servito accompagnato da una foto Polaroid scattata al momento, un ricordo prezioso di un'occasione speciale”.

“Per me i cocktail, soprattutto in questo periodo dell'anno, rappresentano la condivisione, le serate con gli amici e ricordi da custodire gelosamente: sono queste le cose che ci uniscono". 

"A Natale, è anche molto richiesto il White Grasshopper, un drink davvero straordinario dalla consistenza cremosa e con un aroma di noci. Gli ingredienti includono doppia panna, acqua bianca e liquore al cioccolato bianco, insaporito da un tocco di agrumi e un pizzico di menta".

"Il gusto di questo drink mi ricorda le feste, i bastoncini di zucchero, i cioccolatini e tutti i dolci tipici di questo periodo. Io sono di Verona, dove nasce il pandoro, quindi sono particolarmente legato a questi sapori dolci. A casa della mia famiglia non sarebbe Natale senza!".

Celebra al meglio le feste con la tua famiglia e gli amici trascorrendo un’indimenticabile serata al Donovan Bar. Federico e tutto il team ti aspettano per offrirti un’esperienza unica e inimitabile.


You may also like

Muoviti al ritmo della solidarietà: la musica aiuta Save the Olives

Quest'estate, Masseria Torre Maizza mette sotto i riflettori un tema che certamente merita la nostra attenzione. Save the Olives, un'organizzazione no-profit sostenuta dall’attrice Helen Mirren, ha l’obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla Xylella fastidiosa, il batterio che sta devastando gli ulivi pugliesi con conseguenze disastrose per l'economia e l'ecosistema locale. Per sostenerla, abbiamo organizzato un incredibile calendario di eventi musicali e artistici tra gli uliveti della nostra masseria, la location perfetta per una causa così importante.

Non solo il castello: le migliori spiagge di Edimburgo

Tuttavia, non lontano dai vicoli acciottolati del centro città, le coste sabbiose offrono numerose opportunità per una piacevole gita al mare. Scoprirai luoghi splendidi in cui trascorrere rilassanti giornate estive, tra bagni, fish and chips e panorami affascinanti. Questa è la nostra selezione delle spiagge più belle entro un’ora di auto dal Balmoral.

‘Autentico ma non tradizionale’: il debutto tedesco di Zuma al Charles Hotel

Dopo due decenni di successi ottenuti grazie ad un’innovativa cucina giapponese, il ristoratore Rainer Becker porta per la prima volta il suo Zuma in Germania con un pop-up estivo molto atteso al Charles Hotel. Becker, che ha lavorato per ristoranti stellati in Germania prima di innamorarsi della cucina giapponese a Tokyo, torna nel suo paese natale 22 anni dopo aver inaugurato il primo Zuma a Londra.