Una Forte nel Design

Rocco Forte Hotels
OTT 23th

Hotel che rispecchiano l’anima dei luoghi in cui si trovano, pur mostrando uno stile singolare. È quello che realizza dal 1997 Olga Polizzi, Direttrice del design di Rocco Forte Hotels, spesso con l'aiuto di una cerchia di talenti di alto profilo, che vanno dai produttori di carta da parati su misura agli esperti di moda.

 

Quando un hotel funziona, quando l'esperienza di un soggiorno, una cena o anche solo una passeggiata in una bella hall regala dei momenti di ineffabile magia, è perché tutta una serie di componenti è in perfetta armonia. C'è il servizio, ovviamente; ci sono gli ospiti stessi e il tipo di atmosfera che portano all'esperienza. Ma più di ogni altra cosa, la magia deriva dalla cura del design; anche perché nessuno degli altri elementi funzionerà se il design stesso non li considera.

 

 

 

Gli hotel Rocco Forte sono apprezzati per molti aspetti, ma il design è sicuramente in cima alla lista. Dallo stile elegante e contemporaneo dell'Hotel de Russie di Roma, ai colori sfacciati e alle linee retrò-chic di Villa Kennedy a Francoforte, fino al Verdura Resort, i cui edifici bassi e gli spazi semplici e sobri racchiudono l'essenza della Sicilia. Gli hotel sono estremamente diversi l'uno dall'altro, ma condividono un importante aspetto: ognuno è caratterizzato da un design unico e singolare.

 

Questo tipo di risultato richiede una visione genuina, che è quello che Olga Polizzi ha portato all'azienda da quando è entrata a far parte come Direttrice del design nel 1997. Olga Polizzi conosce la tavolozza dei colori e le proporzioni, i segreti dell'antiquariato e la storia dell'architettura. E inoltre, grazie a una vita a stretto contatto con l’ospitalità di lusso, comprende determinate dinamiche funzionali (fondamentali, se pensate a quando notate una cucina situata a 20 minuti a piedi da una sala pranzo, o ai doppi lavabi attaccati in un bagno, senza lasciare spazio per le proprie cose). Allo stesso modo, conosce bene anche il comportamento e le inclinazioni degli ospiti: come le persone vogliono sentirsi e chi vogliono essere, in un hotel.

 

 

  

 

I design della Direttrice del design sono visibili in tutta l'ampiezza del portafoglio Rocco Forte. Le suite esclusive, in particolare, sono il luogo in cui si concretizzano la sua propensione per i colori vivaci e un talento per il comfort che non sacrifica forme e materiali eleganti. Gli spazi dell'hotel, sia quelli che lei stessa progetta sia quelli per cui si affida ad altri talenti, sono "più decorati" di quanto non siano stati in passato, osserva: lo testimonia Charlie's at Browns, l'ultima permutazione del raffinato ristorante del flagship londinese. La stessa Polizzi ha rinnovato lo spazio, impregnandolo di fantasia e carattere pur rispettandone le origini, in particolare le eleganti (e storiche) pareti rivestite in legno. "È davvero lo spazio più difficile da realizzare di tutto l'hotel, a causa di quei pannelli", dice. “Ho pensato, come posso in qualche modo rallegrare questo spazio? Avevo preso in considerazione l'idea di dipingere il legno stesso, ma poi ho deciso di metterci sopra della carta da parati e ho chiesto a Adam Ellis di crearne una per noi. Il design è caratterizzato da una fantasia raffigurante una vegetazione tropicale con delle palme lussureggianti, che ricopre le pareti superiori e le travi fino ai soffitti in gesso decorati originali della stanza. Il risultato è esteticamente piacevole, con un supporto perfettamente bilanciato per i semplici pannelli, un elegante pavimento in parquet e i tavoli rivestiti semplicemente di lino bianco.

 

Parte della direzione del design - gran parte di esso - si traduce nell’identificare e selezionare le altre "voci" che daranno un’anima all’hotel. Per entrambi gli hotel romani di Rocco Forte, il de Russie e il de la Ville, Olga Polizzi ha collaborato con Tommaso Ziffer. "Tommaso è un vero designer pensante", dice elogiando l’architetto d'interni con sede a Roma che, prima di progettare il de Russie più di 20 anni fa, non aveva mai realizzato un progetto di hotel. Questo era un vantaggio, secondo la Polizzi: "Volevo davvero lavorare con qualcuno che provenisse da quell’ambiente più residenziale perché volevo che gli ospiti dell’Hotel de Russie si sentissero come in una sorta di grande casa" - uno stile che andava sfacciatamente in contrasto con i trend del design di hotel del momento.

 

 

  

"Tommaso non mette mai insieme qualcosa per poi dire: 'Ok, è così, abbiamo finito'", continua Polizzi. “Ci penserà, e ci penserà di nuovo, e apporterà continue modifiche fino a quando non sarà dell’idea che sia perfetto. L'altra cosa grandiosa di lui è che tiene davvero allo spazio. Sa bene che è inutile mettere un sacco di cose carine in una stanza se le proporzioni sono sbagliate o le porte non sono della giusta altezza. Ci ha aiutato molto in questo al de Russie: altezze del soffitto, porte, finestre. E Tommaso realizza bellissimi bagni. Adoro i suoi bagni”.

 

 

  

Per l’Hotel de la Ville, "Dovevamo pensare a come renderlo diverso da ogni altro hotel a Roma" - dal momento che il numero degli hotel era chiaramente esploso nei circa 20 anni dall'apertura del de Russie. Il risultato è stato un mondo lontano anni luce dallo stile moderno del De Russie: prendendo ispirazione dal Grand Tour, i design di Ziffer sono ricchi di riferimenti classici del XVIII secolo, realizzati in colori primari audaci e profonde tonalità della terra. “Sapete, avere un concetto e seguirlo rende l'intero processo più fluido; lo rende davvero più facile. Tommaso ha delle belle idee, e io nutro rispetto per lui e per quello che fa, quindi abbiamo deciso".

 

La cerchia di talenti che Polizzi ha ingaggiato è caratterizzata dall'eccellenza, ma vi è un metodo nelle sue scelte. Inge Moore, il direttore creativo di Muza Lab con sede a Londra, ha "uno stile e una portata molto internazionali", osserva Polizzi, che ha permesso alla designer di lavorare abilmente sia da Brown’s Hotel (dove ha reinventato il Donovan Bar) che nel suo progetto attuale— The Westbund di Shanghai, la cui apertura è prevista per la metà del prossimo anno, che occuperà diversi piani di un grattacielo ultrasottile: tutto fatto di marmo, vetro, illuminazione d'effetto e linee eleganti. “Quel progetto mi ha un po' confuso; è molto grande e audace, e aveva bisogno di quella visione internazionale", afferma Polizzi.

 

Il suo rapporto di collaborazione con Martin Brudnizki — che ha creato gli interni di Villa Kennedy a Francoforte (e che è una superstar degli ultimi anni, con hotel e ristoranti a suo nome che sono tra i più ammirati di Londra) — risale al mandato di quel designer presso lo studio David Collins. “Amo Martin. Lavora brillantemente e riesce a realizzare assolutamente tutto. È contemporaneo e progetta spazi molto puliti; anche se Villa Kennedy ha molto colore. È stato molto divertente lavorare con lui su questo”.

 

 

A Firenze, all’Hotel Savoy, la Direttrice del design Polizzi ha invitato una personalità fiorentina per antonomasia a portare nella hall i disegni e i colori assolutamente inconfondibili della sua famiglia: Laudomia Pucci, vicepresidente e direttrice dell'immagine della leggendaria casa di accessori di moda fondata da suo padre. “La cosa bella del lavorare con Laudomia è stata la sua meticolosità. Sono suoi quei bei tessuti sulle sedie, sui cuscini, non solo nella hall ma lungo tutta la Terrazza di Irene", il ristorante dell'hotel, “e uno dei tappeti [disegni] di suo padre nella hall, che ha ricolorato. Ha mostrato una cura eccezionale per i colori, che si evince da come si mescolano e lavorano nello spazio.

 

“Ciò che ha fatto il mio team è stato creare lo sfondo architettonico: il bancone della reception bianco, il muro scultoreo bianco dietro, i bellissimi putti. I pavimenti in marmo, che rievocano molto quelli del resto dell'hotel, sono color crema chiaro. Quindi quei colori [Pucci]” —fucsia, blu elettrico, nero —“davvero pop”.

 

Il design di un hotel di successo deve dialogare sia con il luogo in cui si trova, sia con le persone che vi soggiornano. A volte, come sanno bene persone esperte come la Polizzi, ci vuole un altro occhio per padroneggiare quelle "conversazioni". Il lavoro di Pucci al Savoy è "un totale distacco da qualsiasi cosa che avrei mai fatto", afferma Polizzi. "Eppure funziona, meravigliosamente."

 

Immergiti nel miglior design e stile d’Europa a Brown’s Hotel, Villa Kennedy, Verdura Resort, Hotel De La Ville and Hotel Savoy